Diogene Annunci Economici

Cosa cerchi?

e Scapazon - Diogene Annunci Economici Forlì

LA VEDO DURA

LA VEDO DURA

I quasi 35 gradi di oggi non sono quelli di ieri (l’agosto febbricitante dei quasi 40..). Il clima tropicale che ha preso purtroppo casa nel nostro continente, se ne deve fare una ragione: natura vincit a prescindere.

Resta comunque che la bella stagione ha preso il treno. Colleghiamoci quindi con il sito autunno-inverno e cambiamo pelle e pensieri. Già non si passa più da nessuna parte, né in centro né in periferia: traffico border line.

E poi il sito parla chiaro.

La scuola. Con le maestre solo diplomate che rischiano di non potere insegnare. Con precari a vita che vanno giustamente per piazze. Con la corsa ai posti nelle scuole per l’infanzia. Con i prof che devono ripristinare neuroni didattici.

La raccolta dei rifiuti. Alea iacta est, il dado è tratto. All’orizzonte si profila il porta a porta, la differenziata. Non si inizia subito capillarmente: si sta provando per il momento  e, in certi casi descritti nelle cronache, anche con esiti esilaranti.

Ancora la scuola. E i libri di testo per chi va alle elementari o alle medie? Comprateveli, ammonisce lo Stato che, parlando di scuola dell’obbligo, come al solito si contraddice. Si parla di 300-400 euro per studente. Ivi compresi zainetti, cancelleria e divisa. Un’enormità.

Polizia municipale. Attenti, c’è in partenza, e i divieti teorici sono già sulla carta,  il codice dell’educazione, della civiltà, della vivibilità comune. E cioè: scarico abusivo di rifiuti, accattonaggio molesto, lavavetri, cani senza museruola e padroni senza sacchetto e paletta, fuochi d’artificio vietati in centro, biciclette che non possono andare  dappertutto…ecc

Dubbio: ma non è che Forlì debba trasformarsi in una Stoccolma…La vedo dura…


Leonello Flamigni

venerdì 14 settembre 2018