Diogene Annunci Economici

Cosa cerchi?

mentelocale - Diogene Annunci Economici Forlì


21 luglio 2017

2 agosto 1919

Perdevano la vita in un tragico incidente aereo i forlivesi Tullo Morgagni e Luigi Ridolfi

Quest’anno il Giro d’Italia ha festeggiato la centesima edizione e per onorare il suo principale ideatore, il giornalista Tullo Morgagni, nato a Forlì nel 1881, ha fatto tappa in Romagna. Non tutti sanno che Morgagni perse la vita, il 2 agosto 1919, in un tragico incidente aereo. Il disastro, uno dei primissimi dell’allora nascente aeronautica civile italiana, avvenne mentre il Caproni, guidato da un altro forlivese, il giovane e ardimentoso pilota Luigi Ridolfi, sorvolava il cielo di Verona, nel raid di prova Milano-Venezia-Milano.
La storia dello schianto di Verona e di questi due brillanti forlivesi, membri di quella che allora poteva essere definita la “Meglio Gioventù” italiana, farà parte del libro di prossima uscita “Fatti e misfatti a Forlì e in Romagna” volume 2, scritto a quattro mani dal sottoscritto insieme a Gabriele Zelli, edito dalla casa editrice «Il Ponte Vecchio».


 

Marco Viroli
 
Leggi …
 

17 luglio 2017

Dopo McCurry e Salgado, ecco “Personae”, la grande mostra fotografica di Elliot Erwitt

Musei San Domenico di Forlì dal 23 settembre 2017 al 7 gennaio 2018

“Personae – dichiara Monica Fantini, coordinatrice di Romagna Terra del Buon Vivere – è la nostra capacità di relazione che si esprime nell’essere, l’uno diverso dall’altro, uniti, nel proporre una moderna e diversa idea del fare Comunità. Quando gli abbiamo raccontato la nostra visione, Erwitt ha subito accettato di intitolare la sua mostra come l’edizione 2017 dell’evento, creando a tutti gli effetti una mostra inedita a livello mondiale”.
Considerato il fotografo della commedia umana, Erwit riesce con sguardo empatico, tagliente, talvolta ironico, a cogliere tuttavia anche la complessità del vivere quotidiano. Marilyn Monroe, Fidel Castro, Che Guevara, Sophia Loren, Arnold Schwarzenegger, sono solo alcune delle numerose celebrità colte dal suo obiettivo. Ma il suo immaginario riserva grande attenzione anche a persone comuni, uomini e donne, catturate dall’obiettivo del maestro nel mezzo della normalità delle loro vite.
La volontà di uno dei maggiori fotografi viventi al mondo di intitolare la propria antologica con lo stesso nome della manifestazione romagnola rappresenta grande motivo d’orgoglio e un’enorme attestazione di fiducia nella qualità di un progetto, il Buon Vivere, oramai divenuto d’importanza internazionale. 
Il 22 settembre, all’inaugurazione della mostra (visitabile fino al 7 gennaio 2018), sarà presente eccezionalmente anche lo stesso Elliot Erwitt.

 

Marco Viroli
 
Leggi …
 

7 luglio 2017

Tra i grandi della tradizione lirica forlivese, il tenore Giuseppe Paganelli

Il 16 luglio 1882 nasceva a Forlì il tenore Giuseppe Paganelli

Seppur orfana del suo piccolo ma grazioso e importantissimo Teatro Comunale, andato distrutto nella notte tra l’8 e il 9 novembre 1944, Forlì è da sempre città di grandi tradizioni liriche, come dimostrano i tanti protagonisti, tenori e soprani, cui ha dato i natali e che su quel palco tanto rimpianto si esibirono nel corso di tournee che li portarono in giro per mezzo mondo: da Giuseppe Siboni ad Angelo Masini, da Maria Farneti a Carlo Zampighi e Giulietta Simionato, fino alla grande Wilma Vernocchi che ancora oggi, con passione e talento, continua a dare lustro alla nostra città.
Il 16 luglio ricorre l’anniversario della nascita di Giuseppe Paganelli, uno dei grandi forlivesi, protagonisti della lirica internazionale. Su questo numero di mentelocale vi raccontiamo la sua vita con una breve ma intensa biografia.

Marco Viroli
 
Leggi …
 

23 giugno 2017

Boom di visualizzazioni su Youtube per “Romagna mia”

Grazie alla nuova versione lirico-sinfonica e a un video altamente emozionale

“Romagna mia” torna al successo, grazie alla nuova versione incisa dal maestro Roberto Bonaventura con la splendida voce del tenore forlivese Maurizio Tassani. L’emozionante video clip che accompagna le note di Casadei è stato recentemente presentato alla stampa e in poche settimane ha raggiunto le 90.000 visualizzazioni su youtube.

Scritta da Secondo Casadei, incisa a Milano nel 1954, “Romagna mia” è diventata nel tempo il vero e proprio inno della nostra terra.
Non tutti sanno che il titolo originale del brano era “Casetta mia” ed era dedicata alla casa di Gatteo di Casadei. Il maestro l’aveva composta qualche anno prima, tuttavia non l’aveva mai portata in sala d’incisione. L’occasione si presentò nel 1954 quando, quasi per caso, Secondo presentò il brano a Dino Olivieri, direttore artistico dell’etichetta discografica La voce del padrone, il quale gli suggerì di modificare il titolo in “Romagna mia”. Olivieri sapeva quanto grande era l’amore del maestro per la propria terra, così la canzone, con il nuovo titolo e il nuovo testo, venne finalmente incisa, cantata da Fred Mariani e Arte Tamburini.
Il successo del brano fu decretato all’esecuzione dell’orchestra stessa di Secondo Casadei alle trasmissioni di Radio Capodistria, dall’avvento dei juke box e dai tanti turisti che frequentavano la riviera romagnola e che ne acquistavano il disco per portarselo a casa come ricordo delle vacanze.

Marco Viroli
 
Leggi …