Diogene Annunci Economici

Cosa cerchi?

InfoSicurezza - Diogene Annunci Economici Forlì

Parliamo insieme di sicurezza

Sicurezza stradale

Parliamo insieme di sicurezza

Bentornati nel nostro piccolo spazio dedicato alla sicurezza.

Ci siamo lasciati una settimana fa parlando di sicurezza stradale. Abbiamo visto insieme come le isole ambientali siano una semplice soluzione ai problemi della sicurezza negli spazi dove la convivenza tra utenti diversi della strada è obbligata (dalle condizioni di circolazione) e favorita (dalle politiche per incentivare la frequentazione del centro storico, centro commerciale naturale).

Tuttavia la nostra vita stradale non si riduce solamente a queste aree privilegiate. Anzi, per la maggior parte del nostro tempo in strada frequentiamo aree dove la convivenza tra tipologie diverse di utenti è minimale. Tangenziali, autostrade, strade in zone industriali, sono tutti ambienti a misura di automobile più che di pedone.

Ma anche la cinta di strade intorno al centro storico, le circonvallazioni, le aree residenziali intorno alla cinta di mura sono aree dove non è possibile privilegiare sempre e comunque la mobilità lenta.

Proviamo a discutere con un genitore, proviamo a convincere, alle 8 del mattino il buon Michele Donati, con due figli in auto, la campanella della scuola che suonerà alle 8,10, sostenendo che debba andare piano in auto, che non debba avere fretta, che debba rispettare tutti gli utenti della strada e rallentare permettendo a tutti di muoversi con calma e passeggiare lungo la strada.

Conoscendo alcuni genitori (me compreso) eviterei di correre il rischio.

Queste le condizioni: fretta, probabile distrazione provocata dai passeggeri dell’auto (mai letto la frase: “vietato parlare al conducente”? Serve a mantenerlo concentrato), scarsa pazienza, generata dalle condizioni precedenti, condizioni di visibilità non ottimali (soprattutto in inverno per scarsa luce e vetri appannati), condizioni stradali e di aderenza non ottimali (brina, gelicidio, freddo notturno e mattutino, gomme fredde). Serve altro per chiarire il pericolo che possiamo correre ogni giorno?

Solo un impegno a combinare prudenza ed attenzione concentrata può salvare questo caos mattutino e permettere a tutti di giungere salvi alla propria destinazione: chi a scuola, chi al lavoro.

Infatti è una grandissima fortuna che tutti noi automobilisti siamo così attenti e ligi: che tutti rispettiamo comunque i limiti di velocità (vero?), che alle strisce pedonali ci fermiamo sempre a far attraversare i pedoni (giusto?), che al semaforo giallo rallentiamo e ci fermiamo, attendendo il nuovo verde (tutti d’accordo?), che nessuno telefona tenendo l’apparecchio in mano o appoggiato all’orecchio fermato con la spalla (siamo sicuri?).

La prossima settimana affronteremo questa condizione, ragionando anche su quali dispositivi siano davvero utili per tutelare l’automobilista quando in strada.

 

Auguro a tutti una settimana sine cura


Michele Donati

venerdì 23 marzo 2018