Diogene Annunci Economici

Cosa cerchi?

mentelocale - Diogene Annunci Economici Forlì


12 luglio 2019

Mastro Titta e l’esecuzione dei carbonari romagnoli Targhini e Montanari

Per completezza d’informazione e per dare un giusto seguito al mentelocale del numero scorso di Diogene, va aggiunto che il boia romano Mastro Titta, per oltre sessant’anni al servizio dello Stato della Chiesa, oltre che agli autori del fallito attentato al cardinale Rivarola, dedicò le proprie attenzioni particolari ad altri carbonari romagnoli di cui vi raccontiamo la triste storia.

Angelo o Angiolo Targhini, nato a Brescia da madre cesenate e padre bresciano nel 1799, e Leonida Montanari, nato a Cesena nel 1800, erano membri di una delle cosiddette "vendite", le riunioni segrete carbonare. Furono arrestati per aver tentato di uccidere un infiltrato, condannati a morte per "lesa maestà" e giustiziati tramite decapitazione.

Marco Viroli
 
Leggi …
 

2 luglio 2019

La pineta di Ravenna

Scenario del fallito attentato a un cardinale

D’estate, per lenire la calura, si va al mare e spesso si prediligono le località che oltre alla spiaggia possono offrire un ulteriore refrigerio grazie alla fresca ombreggiatura offerta da una pineta. Ciò accade in particolare nel litorale ravennate, dove la fascia verde a ridosso della spiaggia è stata in gran parte preservata e salvata dalla cementificazione.
Non tutti però sanno che, nella prima metà del XIX secolo, la pineta di Ravenna fu scenario del fallito attentato a un alto prelato dello Stato della Chiesa che a quei tempi, dopo la breve dominazione napoleonica, era tornato ad amministrare le Romagne.
Nel 1823 la morte di papa Pio VII Chiaromonti, cesenate, uomo d’idee moderate, aveva spianato la strada all’elezione del cardinale reazionario Annibale Della Genga, ben visto dagli austriaci, che era divenuto papa col nome di Leone XII.
 

Marco Viroli
 
Leggi …
 

21 giugno 2019

Vitignanostock Rock Party, Venerdì 28 e sabato 29 giugno la nuova edizione del festival

Due giorni di musica al parco urbano

Venerdì 28 e sabato 29 giugno torna il festival musicale Vitignanostock, ospitato quest’anno nella splendida cornice del parco Urbano “Franco Agosto” a Forlì, davanti alla Collina dei Conigli.

La principale novità del 2019 è rappresentata proprio dalla location: dopo nove edizioni svoltesi nelle colline meldolesi nel parco di Rocca delle Caminate, il festival entra nella città di Forlì con il suo format oramai collaudato.

Nel corso delle due giornate sarà allestita la speciale mostra "Tesori Abbandonati": un gruppo di esploratori di ambienti e luoghi abbandonati esporranno foto che ne immortalano la storia nel tempo.

Marco Viroli
 
Leggi …
 

24 maggio 2019

“Un itinerario nella Forlì dantesca”

Martedì 28 maggio 2019, ore 20.30

Con la camminata sulle tracce di Dante a Forlì e l’ormai classica maratona dantesca termina la quinta edizione di “Dante. Tòta la Cumégia”

 

Martedì 28 maggio 2019, ore 20.30

“Un itinerario nella Forlì dantesca”
A cura di Marco Viroli e Gabriele Zelli
Ritrovo sotto il Campanile di San Mercuriale

Il successo delle prime edizioni dell’iniziativa Dante. Tòta la Cumégia permette di sottolineare ancora una volta come Forlì (prima città in cui il Sommo Poeta trovò rifugio dopo l’esilio dalla natia Firenze) possa essere considerata a tutti gli effetti città dantesca. Le indicazioni dello storico Sergio Spada e gli approfondenti di Gabriele Zelli e Marco Viroli, effettuati nel 2012 in occasione della pubblicazione del volume “Forlì. Guida alla città”, consentono di proporre un itinerario dantesco all’interno della città molto importante sia per valenza storica sia per rimandi letterari. Sempre più frequenti si fanno le presenze di gruppi interessati a conoscere in modo approfondito la vita del poeta e tali gruppi sono destinati ad aumentare in considerazione del fatto che nel 2021 ricorrerà il 700° anniversario della morte di Dante, una ricorrenza che porterà in Italia un numero rilevante di turisti interessati a ripercorrere le tappe della sua vita. Con due condanne successive, 27 gennaio e 10 marzo 1302, conseguentemente agli scontri politici che imperversavano nella sua città, il poeta fiorentino venne condannato al rogo e alla distruzione delle sue proprietà.

Marco Viroli
 
Leggi …